L’ISOLA DELL’ABBANDONO

16.50

Autore: CHIARA GAMBERALE
Editore: FELTRINELLI
Collana: libri
ISBN: 9788807033407
Pubblicazione: 21/02/2019

1 disponibili (ordinabile)

COD: 9788807033407 Categoria:

Descrizione

Pare che l’espressione ?piantare in asso? si debba a Teseo che, uscito dal labirinto grazie all’aiuto di Arianna, anzich? riportarla con s? da Creta ad Atene, la lascia sull’isola di Naxos. In Naxos: in asso, appunto. Proprio sull’isola di Naxos, l’inquieta e misteriosa protagonista di questo romanzo sente l’urgenza di tornare. ? l? che, dieci anni prima, in quella che doveva essere una vacanza, ? stata brutalmente abbandonata da Stefano, il suo primo, disperato amore, e sempre l? ha conosciuto Di, un uomo capace di metterla a contatto con parti di s? che non conosceva e con la sfida pi? estrema per una persona come lei, quella di rinunciare alla fuga. E restare. Ma come fa una straordinaria possibilit? a sembrare un pericolo? Come fa un’assenza a rivelarsi pi? potente di una presenza? Che cosa ? davvero finito, che cosa ? cominciato su quell’isola? Solo adesso lei riesce a chiederselo, perch? ? appena diventata madre, tutto dentro di s? si ? allo stesso tempo saldato e infragilito, e deve fare i conti con il padre di suo figlio e con la loro difficolt? a considerarsi una famiglia. Anche se non lo vorrebbe, cos?, ? finalmente pronta per incontrare di nuovo tutto quello che si era abituata a dimenticare, a cominciare dal suo nome, dalla sua identit? pi? profonda? Dialogando con il mito sull’abbandono pi? famoso della storia dell’umanit? e con i fumetti per bambini con cui la protagonista interpreta la realt?, Chiara Gamberale ci mette a tu per tu con le nostre fatali trasformazioni, con il miracolo e la violenza della vita, quando irrompe e ci travolge, perch? qualcuno nasce, qualcuno muore, perch? un amore comincia o finisce. Un romanzo coraggioso sulla paura che abbiamo di perdere il filo, il controllo della nostra esistenza: mentre ? proprio in quei momenti ? quando ci abbandoniamo a quello che non avevamo previsto ? che rischiamo di scoprire davvero chi siamo. ?Se sapessimo di che cosa abbiamo bisogno, non avremmo bisogno dell’amore.?